Un corso sull’alimentazione per aumentare la consapevolezza nei confronti delle scelte alimentari, anche in relazione ai differenti fabbisogni correlati alle diverse fasi della vita e ad eventuali situazioni patologiche.

Un’alimentazione sana è alla base della salute?
Compio acquisti consapevoli?
I cibi che cucino mantengono intatte le proprietà degli alimenti?
Posso prevenire specifiche patologie con la dieta?

Martedì 2 maggio, alle ore 21.00, si terrà l’incontro di presentazione del Corso sull’alimentazione “Nutrirsi, molto più che mangiare: incontri per una scelta consapevole” organizzato dall’associazione Riplive.it, con il patrocinio del Comune di San Giorgio su Legnano, presso la sala consiliare G. Bassi (Piazza IV Novembre 7, San Giorgio su Legnano).
Il corso di quattro incontri serali si svolgerà presso la sede comunale nella giornata di giovedì, con inizio alle ore 21.00 (5, 16, 19 e 28 maggio) ed il contributo è di € 40,00.

Le iscrizioni si ricevono presso la biblioteca di San Giorgio e durante l’incontro di presentazione.

evento

L’ organismo umano ha bisogno di tutti i tipi di nutrienti per funzionare correttamente. Alcuni sono essenziali a sopperire il bisogno di energia, altri ad alimentare il continuo ricambio di cellule e altri elementi del corpo, altri a rendere possibili i processi fisiologici, altri ancora hanno funzioni protettive.
Per questa ragione l’alimentazione deve essere quanto più possibile varia ed equilibrata.
Una sana alimentazione è quella che fornisce all’organismo tutte le sostanze nutritive di cui necessita nella giusta proporzione.
L’alimentazione, assieme all’attività fisica e all’astensione dal fumo, ha un ruolo fondamentale nella prevenzione di molte malattie (malattie cardiovascolari, obesità, diabete mellito di tipo II, osteoporosi).

Mi rivolgo agli adulti che vogliono acquisire le conoscenze necessarie per imparare a mangiare in modo sano ed equilibrato e che sono volenterosi di imparare e far imparare ai bambini quali siano i principi di una sana alimentazione. Molti studi confermano che i bambini che hanno fatto educazione alimentare, hanno un rapporto migliore con il cibo: non lo vivono come un trauma, sperimentano di più, variano maggiormente la loro alimentazione. Il mio, e vostro, compito, è proprio agire in questo ambito: trasmettere, tramite l’educazione alimentare, l’educazione al gusto.